Loggia dei Sapienti

Il potere è conoscenza: noi siamo l'oligarchia dei saggi che si eleva sull'ignoranza.

tec

Loggia dei Sapienti

Il potere è conoscenza: noi siamo l'oligarchia dei saggi che si eleva sull'ignoranza.

Simbolo

Il Caduceo, il bastone alato legato agli araldi di Mercurio, simbolo di supremazia intellettuale, ornato con due Colubri di Esculapio, simbolo dell’equilibrio tra bene e male.

Descrizione

Il sapere è potere. Armati di questa nozione e di grande determinazione, le Maschere affiliate ai Sapienti esercitano la loro influenza sul mondo attraverso lo studio, la ricerca, l’analisi e la conservazione dello scibile, senza dimenticare che per poter accedere a questo tesoro ogni creatura, mortale o meno, deve possedere doti di notevole valore. Il valore del sapere è, per altro, del tutto indipendente dal suo uso pratico, rendendo la Loggia una vera scuola filosofica multidisciplinare, un crogiolo di movimenti e di manifesti che trascina dentro di sé coloro che hanno la stoffa e la volontà di divenire veri conoscitori del Mondo.

Storia

I Sapienti sono una Loggia intimamente legata all’uomo e alla sua evoluzione intellettuale. Fin dai tempi delle prime civiltà hanno osservato, guidato e mosso i passi delle grandi menti mortali verso nuove scoperte e con queste incanalato gli scopi di intere civiltà e nazioni. Hanno deciso esiti di guerre, nascondendo questa o quella tecnologia, hanno creato movimenti civili e reazionari, diffondendo le filosofie e le ideologie che ne erano alla base. Sempre alla ricerca di nuovi metodi per selezionare le migliori menti dell’umanità e guidarle, da portatori o tramite le maglie del Sodalizio, verso più elevati livelli di conoscenza e comprensione.

Rapporto con il Potere

I Sapienti hanno un differente approccio al potere in base alla direzione in cui esso si esercita. Da maestri quali sono, tendono a trattare il genere umano come un campo di ricerca, dove esaltare i soggetti meritevoli e abbandonare i non degni, ma lo scopo ultimo rimane quello di portare a termine il mirabile piano del Sodalizio. Tra di loro, infatti, e in rapporto con le altre Maschere, i Sapienti sanno di colloquiare con creature che, già per definizione, hanno tutte le opportunità di essere prescelti alla conoscenza. Sono molto agguerriti contro le iniziative che mirano all’oscurantismo all’interno del Sodalizio e appoggiano con trasporto il raggiungimento di nuove vette di conoscenza, anche a discapito di molte preziose risorse.

Antagonismo

La Loggia dei Plutocrati e quella dei Sapienti si trovano decisamente agli antipodi. Mentre la prima valuta i beni materiali come primaria necessità, i secondi credono che siano un mezzo sacrificabile per giungere alla conoscenza. I Plutocrati da sempre accusano i Sapienti di essere filosofi poco avvezzi all’azione, sentendosi rimproverare a loro volta che la vuotezza dei propositi del capitalismo sfrenato non potrà che condannare l’uomo, e dunque il Sodalizio, all’oscurità.

Rituali

Ad ogni Conclave viene indetto un Consensus. La Loggia si riunisce e vota per alzata di mano una tematica inerente al Conclave in essere, su cui si terrà un piccolo e breve simposio. Il Maestro di Loggia a quel punto individua due o più proponenti di linee di risoluzione della problematica, garantendo ad ognuno di loro un certo tempo per esporre alla Loggia la loro teoria. Alla fine, sempre per alzata di mano, si vota la soluzione che tutti i membri della Loggia, aderenti e non, porteranno avanti fino alla fine del Conclave stesso. Questa argomentazione diverrà per loro verità anche se non dovessero esserne totalmenta d’accordo (almeno pubblicamente).

Proverbi

“Scientia potentia est, sed parva; quia scientia egregia rara est, nec proinde apparens nisi paucissimis, et in paucis rebus. Scientiae enim ea natura est, ut esse intelligi non possit, nisi ab illis qui sunt scientia praediti.”

“Il sapere è potere, ma è potere piccolo, perché il sapere che conta è raro, non si mostra se non pochissimo, e in pochissime cose. La natura del sapere è infatti tale che non può essere afferrato se non da chi vi sia predisposto.”