Genesi Nobiliare

“Senza umanità non vi è né virtù, né vero coraggio, né gloria durevole.”

nob

Ordine di nascita e origine

La storia dell’umanità si è evoluta e così anche il bisogno di adattarsi delle Maschere e il loro rapporto con l’umanità. Dopo il medioevo finalmente le Maschere capiscono che l’uomo è il primo che deve compiere grandi azioni per il raggiungimento del Grande Disegno, la razza umana è il vero protagonista della storia e ha bisogno di un copione da seguire sul proprio palcoscenico. Lentamente l’oscurantismo e la tirannia delle Maschere Divine venne dunque soppiantata dalla sua netta contrapposizione, ovvero la filosofia illuminata delle Maschere Nobiliari.

Descrizione

Le Maschere Nobiliari, a volte chiamate anche Eleganti, sono le Maschere più comuni e diffuse all’interno della società umana. Questo è dovuto al loro modo di porsi nei confronti dei Portatori: il desiderio delle Maschere Nobiliari infatti è quello di elevare l’uomo oltre i suoi limiti, facendo fruttare la razionalità della razza umana per la realizzazione di un bene superiore e apparentemente irraggiungibile.
Le Maschere Nobiliari rappresentano le virtù con cui gli uomini tendono a misurarsi, concetti filosofici ritenuti fondamentali per lo sviluppo morale e alle volte lati della psicologia umana. Possono avere anche il nome di personaggi inventati o realmente esistiti che incarnano tali metri di paragone. Alcune Maschere Nobiliari sono legate ad eventi storici molto importanti, tanto che si è ipotizzato vengano generate proprio durante tali eventi dall’eco che questi ultimi lasciano nella memoria dell’umanità.

Aspetto

Le Maschere Nobiliari sono Maschere solitamente dall’aspetto elegante, spaziano da semplici e comode baute che coprono parte del viso a oggetti ben più complessi e sfarzosi, spesso sviluppati verso l’alto, con l’uso di piume e gioielli. Sono le tipiche Maschere che si possono trovare durante una sfilata del Carnevale di Venezia. Molte hanno tratti comuni differenziandosi solo nel colore o in piccoli dettagli.

Consigli sull’aspetto

La maggior parte delle Maschere che non hanno un aspetto riconducibile ad una Genesi specifica spesso sono Maschere Nobiliari. Come già detto sono le più comuni anche perchè son le più facili da realizzare o reperire. Il consiglio è di personalizzarle in modo da non rischiare di assomigliare troppo ad un’altra Maschera presente in gioco. Sarà sufficiente aggiungere piccoli dettagli che possono poi legarsi al nome scelto per la Maschera e a ciò che rappresenta.

Consigli per il costume

Le Maschere Nobiliari si contrappongono alle Maschere Divine da cui sono state generate e che più di tutte desiderano governare sopra l’uomo. Le Maschere Nobiliari al contrario vogliono che l’uomo sia dio di se stesso, per poi così avere a disposizione Portari in grado di elevarsi a protagonisti sul palcoscenico della storia.
Paradossalmente ci sono stati rari casi in cui invece vi è stata una temporanea un’alleanza con alcune Maschere Divine di natura Infernale, qualcuno al tempo disse “poiché il Diavolo è stato il primo umanista della storia.”

Consigli di Roleplay

Ogni aspetto della vita e della morale umana ha la propria Maschera Nobiliare. Spesso una Maschera Nobiliare non vuole cambiare il proprio portatore ma condividerne l’esistenza, creando una vera e propria simbiosi in cui Portatore e Maschere si influenzano e si compenetrano. Esistono infatti pochissime Maschere Nobiliari che scelgono la via del parassita, e in quei rari casi esse sono definite dai loro simili “Folli”, e spesso incarnano le psicosi umane.
Ovviamente rappresentando ogni possibile lato della vita e della morale umana, spesso esistono Maschere Nobiliari che incarnano inclinazioni e istinti abietti o discutibili. Questo non spaventa né imbarazza la Maschera in società, ciò è ritenuto semplicemente la naturale conseguenza della vicinanza alla razza umana che sa essere tanto meravigliosa quanto disgustosa.

Leggende

L’attaccamento delle Maschere Nobiliari agli uomini ha generato un legame molto forte, a volte morboso con i Portatore. Una dipendenza a doppio senso nella quale la Maschera si è lasciata indossare e influenzare dall’essere umano e viceversa. Ciò ha dato origine a individui che vengono indicati dalle altre Maschere Nobiliari loro simili come “Folli”. In questi rari casi la Maschera viene distorta dalle pulsioni del portatore perdendo parte della propria identità fin quasi a confondersi con il Portatore e il suo carattere.
Le altre Maschere tendono a trattare questi individui come gli umani trattano i malati di mente, anche se non esiste una legge del Sodalizio che ne proibisce l’esistenza o ne restringe le libertà. Esiste infine una leggenda che vuole la Matrice delle Maschere Nobiliari come l’opera di un anonimo artigiano Veneziano del XVI secolo.

Filosofia

Illuminista. Con il progredire del tempo l’umanità abbandona le proprie superstizioni e apre la propria mente, ed è dunque attraverso il controllo della ragione e della razionalità che può essere governata la società. Frantumare l’oscurantismo vuol dire far sbocciare il vero potenziale umano.

Sigillo

I due simboli che formano il sigillo delle Maschere Nobiliari sono tratti dalle lettere dell’alfabeto Greco.