Creazione del Personaggio: i Dilemmi

Al momento dell’iscrizione al suo primo evento di The Great Compass un giocatore dovrà creare la propria scheda tramite il form online che gli verrà inviato. La creazione della scheda è un passaggio tecnicamente molto semplice.
Per facilitare i giocatori si è deciso di guidare la creazione attraverso quelli che vengono chiamati Dilemmi, essi non sono un mero artificio meccanico ma appartengono allo stesso tessuto di gioco: rappresentano infatti le domande che le Maschere pongono al centro della propria esistenza. I dilemmi sono la parte centrale della Scheda Personaggio di una Maschera, tanto quanto nel gioco sono la parte centrale della sua filosofia.

Primo Dilemma - Il Rapporto con l’Umanità

La Genesi di una Maschera definisce il suo Rapporto nei confronti dell’Umanità.

Primordiale: Naturalista

Le sovrastruttura del trascendente e dello spirituale hanno sporcato la coscienza dell’Umanità. Essa deve essere guidata solo dall’evidenza dei fenomeni naturali e dalle proprie percezioni terrene per evitare che l’uomo si interroghi sulla reale natura del mondo e se ne perda il c

Ancenstrale: Collettivista

Poiché sono le idee dell’Umanità a generare e a dare forza alle Maschere, la Società umana deve essere governata e organizzata in modo da rendere le sue idee facili da indirizzare. Più grande è la comunità umana più stabili e facili da manipolare sono le sue idee. La spinta del mito, della credenza e della serenità “del branco” è la chiave di questo tipo di controllo.

Funebre: Nichilista

Le Maschere devono accettare che l’umanità è destinata ad estinguersi. Ogni sforzo per negare la transitorietà dell’umanità e quindi anche delle Maschere stesse è uno spreco di energie che paradossalmente non fa altro che accelerare questo inevitabile processo.

Divina: Teista

La tirannia e l’oscurantismo sono lo strumento con cui le Maschere Divine plasmano la mente degli uomini affinché riconoscano la volontà di dio solo attraverso la loro influenza e le loro regole. Guidando con dogmi e dottrine ferree la tensione verso il divino naturalmente presente nel cuore dell’uomo, le Maschere Divine sono i pastori che guidano l’umanità. Il loro obiettivo è univoco: qualunque dio l’uomo scelga di adorare o demone l’uomo scelga di temere, il suo volto dovrà essere quello di una Maschera Divina.

Nobile: Illuminista

Con il progredire del tempo l’umanità abbandona le proprie superstizioni e apre la propria mente, ed è dunque attraverso il controllo della ragione e della razionalità che può essere governata la società. Frantumare l’oscurantismo vuol dire far sbocciare il vero potenziale umano.

Tecnologica: Transumanista

L’Umanità è imperfetta e i Portatori sono fragili. Le Maschere devono trovare il modo di migliorare la razza umana con un’opera di selezione o indurla a costruire un’alternativa a se stessa. In questo sta la chiave per la sopravvivenza.

Secondo Dilemma - Il Rapporto con il Potere

La Loggia di appartenenza di una Maschera definisce il suo Rapporto con il Potere e il suo esercizio.

Plutocrati

Il Potere si esercita attraverso il Denaro, e in generale il bene materiale. Possedere significa anche poter spendere ciò che si ha per controllare il Mondo.

Architetti

Il Potere si esercita attraverso la Pianificazione. Ogni mossa deve essere attentamente studiata in modo che inneschi un effetto domino che porti esattamente allo scopo che si vuole raggiungere.

Sapienti

Il Potere si esercita controllando la Conoscenza, divulgando od oscurando alla bisogna ciò che permette di influenzare le masse e dare direzione al pensiero.

Teocrati

Il Potere si esercita attraverso la Religione. Tutti si interrogano in merito all’aldilà e tutti tendono naturalmente al divino, creare culti in cui convogliare questi sforzi permette di giustificare qualsiasi azione, ciò rappresenta la vera forma di potere e controllo.

Occultisti

Il Potere si esercita attraverso il controllo di ciò che è ignoto ai più. La superstizione è un mezzo per controllare le menti e solo sapendo cosa è vero e cosa è falso si possono influenzare le coscienze.

Autocrati

Il Potere si esercita con l’Autorità. Il Potere è funzionale a se stesso, imponendo la propria autorità con ogni mezzo è possibile governare il Mondo. Nessun sacrificio è troppo grande, nessun cavillo morale è così stringente da non poter essere sorpassato.

Terzo Dilemma - Il Rapporto con il proprio Ospite

Il Terzo Dilemma è emerso in epoca recente nel Sodalizio, è rappresenta un nuovo livello di lettura dell’esistenza delle Maschere. Con l’avvento di Maschere sempre più interessate al benessere della razza umana infatti è stato naturale per molti interrogarsi sul significato del rapporto con il Portatore. Le correnti di pensiero in merito si dividono in due:

Simbiotico

La Maschera si cura dell’incolumità del proprio Portatore, ne conosce i limiti sia intellettuali che fisici e non fa niente per danneggiarlo.

Parassitario

La Maschera desidera le percezioni del proprio Portatore e ne sfrutta la forma fino alle sue estreme conseguenze. Spesso le Maschere di questo tipo non si curano della regola che vuole che i Portatori non subiscano traumi emotivi durante la possessione, causando danni permanenti alla loro psiche.

Personalità Eccellenti

Sicuramente una Maschera nel suo passato è stata indossata da importanti figure storiche. Facendosi ispirare dal concetto incarnato dalla propria Maschera si può liberamente immaginare quali personaggi storici abbiano avuto modo di indossarla prima che calasse il Silenzio. Per comodità, durante la creazione del personaggio, una Maschera può scegliere fino a tre Portatori Famosi, selezionati tra tutti i personaggi famosi di tutte le epoche storiche (ricordate che il mondo di The Great Compass non è altro che il nostro mondo, solo un po’ più avanti nel tempo). Un personaggio storico ovviamente può essere stato nel corso della sua vita Portatore di differenti Maschere e quindi non preoccupatevi se sceglierete una Personalità Eccellenti già scelta da qualcun’altro, non c’è nessun vincolo. Potrà quindi capitare di incontrare una Maschera che in passato ha condiviso lo stesso Portatore e magari doversi contendere il merito o la colpa di qualche azione particolarmente virtuosa o nefasta, attribuita proprio a quella Personalità Eccellente.